Linkedin è la piattaforma perfetta per diffondere i tuoi contenuti nel B2B. Ma come fare Content Marketing su Linkedin?

Creando e distribuendo contenuti pertinenti, su Linkedin puoi migliorare la presenza del tuo brand online e stabilire relazioni con influencer del tuo settore e tenere d’occhio la concorrenza. Ma prima di iniziare a fare Content Marketing su Linkedin hai bisogno di questo piccolo kit da cui partire per cominciare a distribuire i tuoi contenuti:

  • un profilo aziendale;
  • Linkedin Pulse;
  • SlideShare;
  • contenuti scritti da chi occupa posizioni rilevanti in azienda.

La pagina aziendale sarà innanzitutto il tuo biglietto da visita per chi cerca la tua azienda, quindi va curata al meglio, ma sarà anche il contenitore in cui inserire i contenuti che produci per fare in modo che il pubblico di riferimento possa fruirne. Fornendo contenuti utili e coinvolgenti, potrai aumentare l’engagement dei tuoi post e fare in modo che il messaggio si diffonda più velocemente. Ma quali sono questi contenuti che potranno risultare davvero utili al tuo target? Ti sto parlando di ebook, casi di studio, how to. Potresti spiegare come utilizzare il tuo prodotto o come il tuo prodotto risolve un determinato problema. Inutile ricordarti che i contenuti sono il cuore dell’Inbound Marketing, vero? Infine, se hai problemi di gestione del tuo profilo aziendale, potrai integrare Linkedin con i più comuni servizi di Social Media Management. Io personalmente ti consiglio vivamente PostPickr, il tool tutto italiano che ti garantirà stabilità ed assistenza.

I dipendenti sono i primi ambadassor di un brand, se loro saranno pronti a mobilitarsi per la tua azienda scateneranno immediatamente il vecchio passaparola. Un dipendente felice vale più di qualsiasi attività di Influencer Marketing che tu possa mettere in campo. La condivisione dei tuoi contenuti da parte dei tuoi dipendenti aumenta in maniera significativa la portata dei post che andrai a scrivere. Linkedin è una rete, quindi più persone interagiranno con il tuo contenuto, più quest’ultimo andrà ad espandersi raggiungendo un pubblico sempre nuovo. Si tratta di un social network particolarmente potente per le aziende i cui rapporti di vendita sono fortemente connessi con la decisione d’acquisto.

Distribuzione dei contenuti su Linkedin
Fonte: Content Marketing Institute

Content Marketing su Linkedin: come aumentare l’engagement e coinvolgere i tuoi follower?

Quindi, la tua pagina aziendale è un modo per coinvolgere gli utenti, raggiungendo le persone giuste nel contesto giusto. E proprio come per gli altri social network, anche su Linkedin è possibile monitorare le prestazioni dei contenuti che si pubblicano grazie al pannello dedicato agli analytics. In questa fase non stai facendo altro che stabilire la tua presenza, il primo dei passi per aumentare l’engagement su Linkedin.

Ma come attrarre nuovi follower su Linkedin? Innanzitutto coinvolgi i tuoi dipendenti; il 60% dei follower aziendali di una pagina è rappresentato proprio dalle prime persone che dovrebbero amarti. Utilizza un approccio multicanale, aggiungendo un link alla tua pagina aziendale nella firma di posta elettronica ad esempio, oppure inserendo il link al tuo profilo su altri canali social maggiormente frequentati dagli utenti. Puoi aggiungere anche una CTA sul tuo sito web, non è detto che tu debba mostrare solo il feed di Facebook e Instagram! Per fare questa operazione ti basta andare sul developer di Linkedin e copiare le API sul tuo sito o blog. Gli utenti potranno seguirti con un solo click!

Pubblicare contenuti su Linkedin ti permette quindi di condividere le tue esperienze con tutto il mondo, grazie a Linkedin Pulse. Qui puoi pubblicare contenuti che raggiungeranno un vasto pubblico molto rapidamente. Gli articoli pubblicati, inoltre, sono ricercabili digitando la parola chiave nella casella di ricerca di Linkedin stesso. Se il post viene visualizzato molte volte, sarà inserito tra le notizie consigliate da Linkedin in modo da aumentare commenti, opinioni o altre azioni. La combinazione perfetta per aumentare la portata dei contenuti su Linkedin è scatenata dalla combinazione di competenze relative all’argomento trattato, l’azienda che lo tratta, la condivisione dei dipendenti e la sponsorizzazione sulla piattaforma. Immagina il CEO di un’azienda che pubblica un argomento di settore sul suo profilo, poi ricondiviso sulla pagina aziendale, condiviso poi dai dipendenti e infine sponsorizzato direttamente. Davvero una bomba, non trovi?

Content Marketing LinkedinPost lunghi o post brevi? L’eterno dilemma dei contenuti anche su Linkedin

Anche su Linkedin esiste l’eterno dilemma che affligge il Content Marketing: post lunghi o post brevi? Ti fornisco tre motivi per cui secondo me, quando necessario, devi scrivere post lunghi su Linkedin:

  • il contenuto pubblicato diventerà parte integrante del tuo profilo, quindi è importante scrivere dei post accurati. L’accuratezza non sempre va di pari passo con l’essere brevi. Se conosci davvero a fondo quell’argomento non aver paura di dire la tua, anche se dovessi costarti più di mille caratteri. Inoltre, esaurendo l’argomento potrai posizionarti come esperto.
  • È possibile creare una strategia di Content Marketing tenendo sempre il tuo team aggiornato. Ricorda che devi fornire dei messaggi credibili e autentici, quindi anche per queste due cose concediti tutti i caratteri di cui hai bisogno.
  • Non hai alcuna ragione per trattenerti e costringerti ad essere breve, i tuoi post saranno presenti su Linkedin Pulse sempre e potranno essere consigliati per raggiungere un pubblico molto più ampio.

Visual Content Marketing: anche su Linkedin le immagini contano più delle parole

Come già ti ho raccontato, siamo tutti dei “pensatori visivi“, infatti il 75% dei nostri neuroni percepisce di più le informazioni ricevute sotto forma di visual. Il contenuto visuale può aiutare la tua azienda a distinguersi dalla concorrenza e ad emergere in un mondo in cui i testi pesanti la fanno da padrone. SlideShare è il contenitore ideale per ospitare le tue immagini.

Potrebbe interessarti anche: Come aumentare l’engagament con il Visual Storytelling

SlideShare non è solo il posto in cui ammucchiare le tue diapositive, è un canale dove puoi stabilire l’autorità del tuo pensiero come leader rispetto a determinati argomenti e parole chiave. Con SlideShare puoi:

  • condividere presentazioni, video, infografiche ed altri documenti con la tua rete;
  • caricare il tuo portfolio, conferenze, PDF, presentazioni di marketing o vendita;
  • incorporare video di presentazione e aggiungere audio per creare un webinar.

Ogni mese vengono condivisi più di 400.000 contenuti su SlideShare, il quale ospita circa 70 milioni di utenti unici. In una giornata, circa 4 milioni di persone visitano la piattaforma che diventa così la più grande rete professionale del mondo anche per la condivisione di contenuti professionali. Questo dato è qualcosa che non puoi trascurare.

Stai ancora pensando se avviare una strategia di Content Marketing su Linkedin? Dimmi la tua opinione nei commenti.