Nelle strategie di marketing qualsiasi cosa sembra essere il re, a dimostrazione del fatto che ogni singolo passo è necessario per un business di successo. Ma non si può di certo negare che i video e il marketing vanno insieme come il cacio con le pere. Dagli spot televisivi tradizionali del 1960 ai video su YouTube, Vimeo, Snapchat, Periscope e Instagram, non è un segreto che questa tipologia di contenuto è diventato un punto fermo della nostra vita quotidiana. Oltre che essere conveniente ed efficiente per il consumatore che vuole avere delle informazioni, il video marketing fornisce ad una strategia un mezzo attraente, versatile ed estremamente condivisibile per raggiungere il pubblico. Secondo una recente ricerca, i video online sono uno strumento di marketing più efficiente del 600% circa rispetto alla stampa e all’email marketing messi insieme. Basti pensare che settantacinque milioni di persone negli Stati Uniti guardano video online tutti i giorni; i video incorporati sui siti web possono aumentare il traffico fino al 55%; aggiungere semplicemente la parola video nell’oggetto di una mail può aumentare il tasso di apertura del 13%; quasi il 40% dei video viene fruito da mobile.

Le aziende, le organizzazioni e anche i personaggi si affidano alla potenza della viralità sui social media. La viralità è uno dei principali indicatori del successo o dell’insuccesso di un brand. Un contenuto per diventare virale su un social network, quindi per essere condiviso, apprezzato e commentato deve essere di una certa qualità. Per questa ragione il video marketing è diventato uno dei modi più efficaci per promuovere un marchio. Perché i video? E perché no? John Berger afferma che “vedere viene prima delle parole. Il bambino guarda e riconosce prima di poter parlare“. I video consentono una comunicazione visiva completa che contribuisce a costruire legami affettivi con le persone. Rispetto a immagine e testo, il video è un metodo completamente diverso di coinvolgere il pubblico poiché la quantità di informazioni che può visualizzare in un secondo supera la quantità di informazioni che possono essere lette nello stesso arco temporale. I tre grandi motivi per cui i video sono diventati importanti per la promozione on-line:

  • il video online è conveniente nella sua realizzazione rispetto al reale valore che genera;
  • il video aumenta la riconoscibilità del brand;
  • i video sono intrinsecamente virali.

Video Marketing

YouTube è il fulcro del video marketing. Su questa piattaforma un’azienda può uscire dalla zona oscura per diventare un caso di successo. Ciò succede perché il video marketing incoraggia gli utenti a visitare, acquistare e sostenere un brand. È un modo molto accessibile per raggiungere il pubblico su tutte le piattaforme social e promuovere un prodotto o un servizio. In breve, i video spingono le vendite. Il mondo dei social è oggi altamente competitivo, quindi raggiungere il successo rispetto ai competitor si basa su fattori che comportano sempre più investimenti, non solo in termini economici ma anche di creatività. Ogni azienda vuole che il suo brand sia la prima scelta rispetto al suo concorrente e i video, ad esempio, potrebbero dare quella spinta necessaria.

YouTube vs. Facebook Video: quale delle due piattaforme è migliore per una strategia di video marketing?

La posta in gioco rispetto alla pubblicazione dei video è sicuramente cambiata da quando Facebook ha deciso di dichiarare guerra a YouTube penalizzando i contenuti veicolati tramite questo social per favorire i video caricati all’interno della piattaforma stessa. Questa mossa ha rappresentato un game over per YouTube? Con un forte impegno nello sviluppo del nuovo algoritmo in continuo aggiornamento, Facebook è riuscito a portare le visualizzazioni dei video da quattro a otto milioni in pochi mesi, con una serie di maggiori investimenti da parte delle aziende su questo social piuttosto che su YouTube.

YouTube è la piattaforma dove tutti i creatori amatoriali scelgono di costruire un proprio pubblico e tentano di farsi spazio tra i tanti per raggiungere un numero vertiginoso di visualizzazioni che consenta loro di arrivare al successo. Trovare un proprio spazio su YouTube o su Facebook fa nascere alcune domande in quanto entrambe le piattaforme hanno i propri vantaggi e svantaggi che possono contribuire ad avere un’idea chiara.

YouTube è la piattaforma di video sharing predominante grazie ad anni dedicati alla costruzione del proprio marchio.  È quindi facile supporre che questo sia il posto migliore per caricare il proprio nuovo capolavoro. Tuttavia, Facebook ha fatto passi avanti per creare una propria rete di canali e, a seconda degli obiettivi, potrebbe essere un posto più appropriato per caricare un video. Esaminiamo alcuni aspetti che dovrebbero aiutare a scegliere quale dei due social è il migliore per il proprio progetto.

Vantaggi

Prima di determinare quale sia la piattaforma adatta al vostro progetto, bisogna valutare la qualità del video e del suono. Ognuna delle piattaforme ha le proprie impostazioni consigliate per la riproduzione ottimale del video. Ad esempio Facebook raccomanda: video H.264 con audio AAC, formato .MOV o .MP4; 1280px di larghezza o meno, divisibile per 16px; 30fps o meno; audio stereo, campionato a 44,1 kHz.

YouTube ha le sue impostazioni consigliate: formato .MP4, con video H.264 e AAC Audio, campionato a 48 o 96.6khz. Tutti i video devono essere digitalizzati progressivamente e accettare una vasta gamma di frame rate, con risoluzione fino a 8K.

Youtube VS FacebookSulla base delle impostazioni consigliate YouTube ha un vantaggio, consentendo l’utilizzo di una risoluzione più elevata, di un campionamento audio e una vasta gamma di frame rate. Se quindi il vostro obiettivo è che il video abbia una qualità alta, YouTube potrebbe essere ciò di cui avete bisogno. Tuttavia, per quanto tutti noi amiamo un prodotto ben fatto, ciò che conta è l’engagament. YouTube elabora miliardi di ricerche al mese, è la destinazione suggerita da Google per gli utenti che sono alla ricerca di contenuti specifici, mostrando i video simili a quello che si è appena visualizzato. YouTube ha dedicato una propria applicazione per i diversi dispositivi di nuova generazione ed ha integrato i tasti di share, rendendo più facile la condivisione su tutti i social.

Facebook, al contrario, offre i contenuti video sul nostro newsfeed nonostante noi non siamo alla ricerca di questo specifico contenuto. Questo meccanismo rende più facile il commentare o la condivisione ai fini dell’aumento dell’engagament dato che è molto intuitivo. Tradizionalmente, le persone caricano i video su YouTube, e poi li condividono su Facebook. Oggi un video caricato direttamente su Facebook, oltre che essere riprodotto automaticamente, viene visualizzato due volte di più rispetto al caricamento su un sito esterno. Queste differenze fanno sì che su Facebook, il video nativamente caricato è più accattivante e ha più probabilità di essere consultato rispetto al video collegato da altre piattaforme. Inoltre Facebook permette di raccogliere una grande ricchezza di informazioni demografiche sulla base degli utenti che sono potenzialmente interessati, attraverso il targeting.

Svantaggi

Nel fare una scelta dobbiamo anche riconoscere alcuni aspetti negativi di ogni piattaforma. I video di YouTube tendono ad avere meno azioni e commenti e quelli che ci sono vengono ottenuti più lentamente.

Tuttavia, per lo stesso motivo, i video su Facebook hanno una vita più breve. Nel flusso del news feed, dopo aver interagito con un video, questo affonderà rapidamente verso il basso e raramente sarà visualizzato nuovamente. Su Facebook è difficile la ricerca dei vecchi video e il collegamento con essi è relativamente problematico per un utente medio.

Ogni piattaforma ha il suo fascino e nessuna delle due è perfetta per ogni applicazione. Dando priorità alle proprie esigenze e agli obiettivi che ci si è prefissati, possiamo scegliere il posto giusto per caricare i video.

Video Marketing al Web Marketing Festival

Per approfondire le nostre conoscenze in materia di Video Marketing accorre un nostro carissimo alleato: il Web Marketing Festival. Con una sezione interamente dedicata a questa tematica, anche quest’anno verranno approfonditi tutti gli aggiornamenti rispetto a quest’area che vanno dai live streaming su Facebook al successo su Youtube. Sul sito ufficiale troverete tutto il programma dedicato.

Potremo apprendere come fare business con i live streaming su Facebook, un nuovissimo strumento che i brand non hanno ancora imparato a conoscere pienamente. La comunicazione video, come abbiamo visto sopra, è imprescindibile per attirare l’attenzione dell’utente che preferisce guardare un video piuttosto che leggere un messaggio. Come creare delle vendite da tutto questo? E se siete ancora indecisi su quale sia la piattaforma più adatta ai vostri obiettivi, tornerete a casa con le idee sicuramente più chiare!

Fino al 30 giugno potete acquistare il biglietto a 99 euro con il codice sconto dedicato ai miei lettori: wmf16mesup. Allora, ci si vede?